GAOM Gruppo Amici Ospedali Missionari | 2012
390
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-390,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

2012

A Gambo si effettua la formazione per il personale locale che si prende cura della stalla per le mucche da latte, puntando ad aumentare l’igiene e la cura degli animali.
Viene sostituito l’impianto elettrico nella cucina dell’ospedale e riparato l’impianto della missione; sono rimessi in funzione 4 pozzi.
I volontari realizzano un’abitazione per il guardiano della fattoria, vedovo e con 4 figli.
Proseguono le adozioni a distanza di classi e villaggi.

 

A Shashemene avanza il microcredito, con grandi soddisfazioni: restituiti numerosi prestiti, il progetto viene rilanciato con altri giovani.
Il poliambulatorio viene attrezzato di un nuovo ecografo italiano; viene installato un generatore che assicura corrente elettrica nonostante i frequenti black out, e viene riorganizzata la gestione della struttura, anche in vista del progetto futuro di aprire 3 ambulatori esterni dove prestare settimanalmente un servizio medico di base: uno nella foresta (Wendo Genete), uno sul lago (Tikur Wuha) ed uno nella savana (Rophi).
Viene ampliata anche la scuola di arti e mestieri: viste le numerose richieste di pane, presso il forno è stato raddoppiato il personale e nella falegnameria lavorano oggi sette ragazzi.
Nel carcere di Shashemene vengono gettate le fondamenta per la costruzione di un salone polivalente che sarà ultimato dai detenuti stessi, sotto la direzione di Elias, già da qualche anno responsabile locale dei progetti del GAOM. Il salone sarà utilizzato dalle suore del De Focauld per attività formative e lavorative (produzione di cesti e vestiti) in favore dei detenuti.
E’ inoltre ultimata la nuova chiesetta di Arambatè.

 

A Tikur Wuha viene installato l’impianto di irrigazione per le coltivazioni delle piante da frutta; alcuni banani, ad un anno dalla messa in dimora, hanno già il casco di frutta. Durante l’anno, la piantagione è stata arricchita con piante di carruba, il cui frutto molto nutriente, è particolarmente adatto per l’alimentazione dei bambini.

 

Sono infine attivate le tre zappatrici, spedite tramite container, che lavoreranno i terreni di Gambo, Shashemene e Rophi.